Interessanti novità nel settore delle fonti energetiche pulite. La Eolo Energie una delle principali holding del Gruppo guidato dal’imprenditore prof. Angelo Todaro diventa Esco e punta alla mobilità elettrica. Dopo aver proposto ed installato numerosi impianti eolici in tutto il territorio nazionale, l’azienda leader nel settore delle fonti rinnovabili con la realtà Energy Service company, ha  ottenuto di fatto  la prestigiosa certificazione UNI 11352. La società del Gruppo Todaro punta con forza a promuovere progetti per il risparmio energetico e l’efficienza negli usi finali di energia. In tale direzione attrae l’interesse della Eolo la mobilità Elettrica che nei prossimi mesi si imporrà nel mercato dei trasporti. L’aumento della capacità delle batterie di ultima generazione e l’incremento dei km percorsi con una ricarica, rendono il settore concorrenziale e di fondamentale importanza per il futuro dei trasporti. La nuova Leaf, utilitaria della Nissan che arriverà sul mercato italiano nei primi mesi del 2018, con una ricarica da 40 kWh (costo inferiore a 8 euro) può percorrere più di 400 km. Inoltre, la mobilità elettrica diventa strategica per il controllo e la riduzione dell’inquinamento atmosferico, sopratutto da PM10, nelle grandi città. Si prospetta nei prossimi mesi un accordo tra Eolo e Nissan e la società conta di investire nel medio termine più di 30 Milioni nel settore della mobilità sostenibile.

La UNI CEI 11352 è la norma italiana che stabilisce i requisiti  per le società che svolgono  il ruolo di Energy Service Company (ESCo).  Contiene chiare indicazioni che delineano i requisiti  dei servizi di efficienza energetica e le capacità (organizzativa, diagnostica, progettuale, gestionale, economica e finanziaria) che la ESCo deve possedere per poter offrire tali attività presso i propri clienti: assegna inoltre una lista di controllo per la verifica delle capacità aziendali. L’esperienza in gestione energetica e la  managerialità e affidabilità di mercato  che Todaro Gorup ha acquisito tramite Eolo Energie.

NESSUN COMMENTO

Lascia un commento